Alberto Rizzi

20 Posted by - 3 Agosto 2020 - Q.B. quanto basta

Alberto Rizzi
Rassegna POETRY 2018

tratta da Poesie incitanti all’odio sociale (Ed. Puntoacapo, 2008)

 

UN FIL DI FUMO

S’è fatta un’ora tarda
                            donna-vestal del Telepiù
ed ancor fissi
                 devota al tuo mestiere
la luce che lieta singulta dallo schermo

Tu dimmi allor
                 ? qual cose passast’accànt’all’òggi
a quali
        che colme di significanza ti fussero
Come l’imberbe pennuto
                               di quelli che stanziali
vanno per questi ostelli
                              il passo remigasti a sportivi spogliatoi
donde un cilestre afror di maschio
sveglia i sensi a lor signore
                                    se quando di qui s’accostan

e questo è tutto

Impasti or tue mani nella cena
                                       mentre di là
effluvio d’odio ti molce dallo schermo

a torme i figli vostri
                          pingui e catatonici a simiglianza vostra
oppur snervati da frenetici ansiolitici
                                                a simiglianza vostr’a torme
rincoglioniti s’affollano ai displèi
oppur come mosche si schiantano sugli alberi

Impasta allor di carne la tu’ cena
                                           signora
tu che disdegni lo specchio che trop’ sa
e inanellata cambi di canale
   immacolata
quando a sentor t’accorgi di vedere
ciò che vi meriti vi si cada addosso

come scure il fuoco-sole
là fuori dalli vetri
e il ferro
           fattosi manciata d’emozioni

China il tuo capo
                     tenue il volto di sorrisi
affianco l’apparecchio
                            né ti curar dei pochi come me
che viaggian quella goccia come lacrima
dal vetrospórco di finestra
ed il suo tendere per logica all’imbasso

China il capo e addòrmiti sedata

la stolta maggioranza degli idioti
ti rassicuri dell’aver ragione
                                    sputo di calor nella tua vena

Ti colga pur la morte pur te ancor serena

non c’è quaggiù più umanità che tenga

 

*

 

Tratta dalla raccolta inedita Il mestiere e altri accidenti

 

Il fronte temporalesco s’avanzava
                              s’estendeva
come muffa su foglio di carta
                                       quella polvere nera

che spora vita attorno
e corrompe il supporto
anche in assenza di vento

Così che non puoi sfuggire

non puoi sfuggire al vento maestrale
                                                che sèrrafóce ai fiumi

e corrente fa trepidare
in sua superficie resa crespa da pensieri

come non puoi fuggire al contagio
                                             al cambiamento
                                             al nuovo dialogo

che quelle singolarità
                            ostilmente scure
ambiguamente propongono

E mentre tu stai con l’inferno nel ventre
                            il gelo nelle mani
implorando una barca
che lontano porti
                 transumi almeno l’anima
quasi a filo d’orizzonte
si sposta rapido un riflesso

un pensiero tuo
                     solitario così
e differente da ogni altro finora
                                          a cui s’aggrappa quieto il sole

 

 

 

Nella foto Alberto Rizzi
intervistato da Michele Paoletti durante la seconda edizione del Festival di Poesia Tres Dotes

 

      



 

 

 

 

 

 

 

 

No comments

Leave a reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi