Alex Ragazzini

(,

)

Alex Ragazzini 
Tres Dotes 2018

 


da “La siṣma e al speṅ”
(L’ansietà e le spine)
Il Vicolo Editore, Cesena, 2019
 
I s’à côlt d’in là
D’in do ch’al ven al speṅ
E i ló fiur ch’j è arluṣent
I n’è i nöstar ch’i s’sent?
 
Ci hanno colto di là
Da dove vengono le spine
E i loro fiori rilucenti
Non sono i nostri che senti?
 
*
 
Cus ël che acsè u s’adâṅa
Cumpâgna e’ mêl infena?
La doia ch’u s’pê luntâṅa
I spen ch’i s’toca apena.
 
Che cosa è che così ci danna
Uguale al male infine?
La fitta che ci pare lontana
Il lieve toccarci delle spine.
 
 
Inediti
 
A sen cort dri a e’ favór
In do ch’e’ cres e’ mêl zirchê
Int al speṅ de’ nöstar malór
Ciap e nench screch lighê.
 
Abbiamo seguito il favore
Dove cresce il male cercato
Nelle spine del nostro malore
Preso e nuovo stretto legato.
 
*
 
An saven in do ch’e’ ten
Praṣunir e’ mêl int e’ côr
Ch’e’ sea atach a carden
In do ch’e’ su bazël e’ môr.
 
Non sappiano dove tenga
Costretto il male nel cuore
Che sia attaccato crediamo
Dove il suo baccello muore.

 

Nota: la variante dialettale romagnola adottata nei versi fa riferimento all’area di Russi (Ravenna)

nel video la lettura dell’autore